Home Calcio Europeo Uefa, mano pesante per il Partizan Belgrado: i serbi squalificati per tre...

Uefa, mano pesante per il Partizan Belgrado: i serbi squalificati per tre stagioni

Uefa, Partizan Belgrado squalificato
Logo Champions League [fonte uefa.com]

Uefa, Partizan Belgrado squalificato I serbi, alla terza sanzione in cinque anni, non potranno disputare le competizioni europee per un debito da 2,5

Brutto colpo per il Partizan Belgrado, che incappa nella seconda squalifica comminata dalla Uefa nel corso degli ultimi 5 anni. Il club serbo non potrà disputare né la Champions League né l’Europa League per i prossimi tre anni a causa di un debito scaduto di 2,5 milioni di euro.

La Uefa ha usato la mano pesante e ai serbi, morosi per circa 7mila euro verso altre società calcistiche,  454mila euro verso altre società, 88mila verso dipendenti e 1,9 milioni verso il fisco, non è bastato l’accordo trovato negli ultimi giorni con il fisco della propria nazione.

Già nel 2012 il massimo organo calcistico europeo aveva punito il Partizan con una multa da 60mila euro dopo la scadenza di un debito da circa 900mila, mentre nel 2013 i serbi furono esclusi dalle competizioni europee per un anno per un ulteriore debito da 2,7 milioni di euro.

La dura decisione della Uefa è dunque motivata dalla recidività dei serbi, incappati in tre sanzioni in soli 5 anni. Oltre all’inibizione dalle competizioni europei, il club balcanico dovrà corrispondere la cifra di 3mila euro per le spese legali. Al Partizan ora resta l’ultima speranza: il ricorso entro i prossimi 10 giorni al TAS, il Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna.

CONDIVIDI