Home Coppa Italia Juventus, Allegri: “Abbiamo rischiato molto”

Juventus, Allegri: “Abbiamo rischiato molto”

Allegri dopo Juventus-Atalanta
Allegri (foto: @Juventus/Twitter)

Allegri dopo Juventus-Atalanta ai microfoni di ‘Rai Sport’: “Facendo una partita ordinata l’Atalanta, con tutto il rispetto non avrebbe tirato in porta”

Gol ed emozioni allo Juventus Stadium, dove i padroni di casa si sono portati prima in vantaggio per 2-0 e poi hanno incassato le reti dei bergamaschi allenati da Gasperini. Al termine del match, Massimiliano Allegri ha commentato così la prestazione della Juventus:

“Qualificazione sofferta? Abbiamo giocato molto bene fino al 2-0. Sul 3-1 poi le abbiamo combinate grosse, abbiamo rischiato di prendere il terzo goal e complicare tutto; l’Atalanta aveva trovato entusiasmo e noi perso certezze: ci farà bene per le partite che verranno, dobbiamo capire che si difende meglio e che alcuni episodi possono cambiare le partite.

Stacchiamo la spina e poi diventa difficile ripartire: stasera abbiamo rischiato molto. Dybala? A Doha non era successo niente, oggi ha fatto una buona partita: aveva bisogno di giocare. Quando c’è da attaccare bisogna saper farlo, così come difendere: a tratti non abbiamo concesso nulla, poi ne abbiamo combinate di ogni e soprattutto quando la partita ci sembrava chiusa. Quando le partite sembrano chiuse non bisogna prendere goal… e invece ne abbiamo presi due.

Dopo il 2-0 non abbiamo sofferto a livello difensivo, abbiamo difeso male solo in quella situazione… abbiamo lasciato il controllo della partita all’Atalanta sul 2-0, loro aveva alzato un po’ la pressione e ci hanno messo in difficoltà. Facendo una partita ordinata l’Atalanta, con tutto il rispetto non avrebbe tirato in porta. Pjaca? Vedremo domenica in che condizioni sarà. Stasera ha fatto vedere le sue qualità, ma deve crescere molto. Rincon? Ha fatto bene, sono contento. Kolasinac? Se non uscirà Evra difficilmente entrerà uno. Ora abbiamo un mese molto importante: pensiamo alla Fiorentina di domenica”, ha chiuso l’allenatore della Juventus.

 

CONDIVIDI