Home Prima Pagina Roma, Spalletti: “Involuzione inspiegabile dopo il raddoppio”

Roma, Spalletti: “Involuzione inspiegabile dopo il raddoppio”

Spalletti a Roma TV
Luciano Spalletti, tecnico della Roma (foto: juventus.com)

Roma-Sampdoria Spalletti Il tecnico giallorosso soddisfatto a metà: “C’è molto da migliorare ancora”

Al termine della gara interna contro la Sampdoria, il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport a commentare la gara dell’Olimpico vinta dai giallorossi per 2-1; queste le sue dichiarazioni:

Roma a due facce? Senza essere spumeggianti, avevamo gettato le basi per la vittoria, con equilibrio. Abbiamo provato soluzioni nuove, senza pressare, senza andare negli spazi. Una gara preparata bene ma non fatta benissimo. Dopo il 2-0, abbiamo preso gol e c’è stata un’involuzione che fatico a capire. Dzeko? Questa settimana non è partito titolare perché col problema al polpaccio non aveva più di mezz’ora. In alcuni momenti la squadra lo ha servito, in altri ha randellato a caso. Bisogna smetterla di parlare di ambiente difficile, noi abbiamo tutto.

Il richiamo ai centrali? E’ da un po’ di tempo che diciamo le stesse cose, probabilmente non riesco a farmi capire. Si avvicinano partite fondamentali, bisogna fare meglio.

Salah? Sa sia giocare sui piedi che in profondità; oggi ha fatto più la prima cosa, a Sassuolo ha fatto un movimento suo classico. Deve avere la curiosità di andare oltre la linea difensiva; stasera la Sampdoria non aveva la linea alta, oggi era un po’ più difficile.

Stasera abbiamo finito col 4-2-3-1, mi dispiace che non si veda; i nostri scappano troppo, spesso ci allunghiamo e i centrocampisti vanno in difficoltà. Al massimo la squadra dovrebbe stare in 30-40 metri, mentre noi ci stendiamo in 60 metri e così è difficile tenere uniti i reparti.

 

CONDIVIDI