Home Serie A Palermo Palermo, si chiude l’era Zamparini: closing il prossimo 30 giugno

Palermo, si chiude l’era Zamparini: closing il prossimo 30 giugno

Palermo comunicato
Zamparini e Baccaglini (fonte immagine: palermocalcio.it)

Closing Palermo – Passaggio di proprietà vicino per il club rosanero che ha chiarito anche la sua posizione riguardo l’indagine della Procura di Palermo

Giornata di comunicati in casa Palermo. La società rosanero non solo ha reso noto la sua posizione riguardo l’indagine della Procura di Palermo su Maurizio Zamparini, ma ha parlato anche del closing tra l’imprenditore friulano e Paul Baccaglini prossimo patron della società siciliana.

Questo il comunicato del club: “In data odierna si sono incontrati il presidente del Palermo Calcio Paul Baccaglini e l’attuale proprietario Maurizio Zamparini ed insieme hanno ratificato l’accordo in essere da tempo, in quanto con loro soddisfazione sono finiti in maniera positiva i controlli relativi alla due diligence bancaria. Si prevede pertanto che il passaggio di proprietà, dato i ritardi bancari, avverrà entro il prossimo 30 giugno“.

Closing Palermo e non solo: la posizione di Zamparini riguardo l’indagine della Procura

La società rosanero come detto ha con una nota chiarito la posizione di Maurizio Zamparini riguardo l’indagine della Procura di Palermo: “In riferimento a quanto sistematicamente riferito dagli Operatori dell’Informazione sul Palermo Calcio nella figura di Maurizio Zamparini, indagato, la Società intende fare chiarezza sulle motivazioni”.

“Alla chiusura annuale della dichiarazione dell’IVA 2014, la Società, essendo in difficoltà di liquido, ha chiesto ed ottenuto di rateizzare l’importo di IVA non pagato per euro 1.884.578 e l’Agenzia delle Entrate ha concesso la rateizzazione con 20 rate da euro 104.320,42 cadauna, per un importo complessivo con interessi e sanzione di euro 2.086.408,56. Ad oggi sono state pagate 9 rate per un importo di euro 938.883,94. Quanto sopra per chiarezza sull’accaduto. Si precisa, inoltre, che l’indagine della Procura di Palermo è un atto dovuto”.

CONDIVIDI