Home Serie A Napoli Napoli, Mertens: “Tornare a fare l’esterno? No, non mi piacerebbe”

Napoli, Mertens: “Tornare a fare l’esterno? No, non mi piacerebbe”

Pagelle Sampdoria-Napoli
(fonte foto: www.ilsecoloxix.it)

Intervista Mertens alla Gazzetta – L’attaccante belga dei partenopei lancia un chiaro messaggio al tecnico Sarri: “Esterno? Lo farò, ma non mi farebbe molto piacere”

Un esplosione che ha colpito tutti gli addetti ai lavori e forse anche lui che non si aspettava di segnare ben 28 reti sfiorando la vittoria nella classifica capocannonieri. Reti che hanno attirato le attenzioni di molti club, ma Dries Mertens ha deciso di rinnovare con il Napoli, per provare a ripetere la buona stagione appena conclusasi, magari conquistando un trofeo importante.

L’ex PSV ai microfoni de La Gazzetta dello Sport ha parlato della stagione che si è appena conclusa e non solo, anche del suo rinnovo con il Napoli e del suo ruolo in campo, lanciando un chiarissimo segnale al suo allenatore Maurizio Sarri elogiato da folletto belga.

Sarri mi ha cambiato ruolo, credo che nemmeno lui si immaginasse che potessi rendere così tanto. Non so se riuscirei a giocare da prima punta con un altro allenatore, è il gioco di Sarri che esalta il tutto, come accade anche per Insigne e Callejon. Ma la cosa importante è stata quella di giocare con continuità: quando facevo due partite di fila segnando e poi tornavo in panchina non mi piaceva, mi stavo annoiando e mi stava passando la voglia di giocare“.

Con il ritorno di Arkadisuz Milik probabilmente Sarri riporterà Mertens di nuovo a giocare sulla fascia come esterno. Situazione questa che non piace molto al belga: “Dovesse chiedermi di cambiare ruolo e tornare esterno lo farei, ma di sicuro è una cosa che non mi farebbe piacere. Il modo di intendere il calcio di Sarri è anche il mio“.

Nonostante un esaltante girone di ritorno, il Napoli non è riuscito a chiudere per il secondo posto, ma la rabbia di Mertesn è la mancanza di un trofeo: “Non sono deluso per il terzo posto, ma frustrato per il fatto che con 84 punti, esprimendo il miglior gioco del campionato e con diversi record battuti, alla fine non abbiamo vinto niente. Mi è dispiaciuto anche non vincere la classifica cannonieri, è bugiardo chi dice che non ci tiene“.

Complice anche la presenza di Sarri in panchina, Dries Mertens vede solo Napoli nel suo futuro. “Sono convinto che la squadra sia forte e che abbia un grande progetto. Con Sarri allenatore nessuno è voluto andare via, perché ci divertiamo tutti. Scudetto? La Juventus vince perché compra i campioni, mentre il nostro percorso invece è diverso, non avendo a disposizione tanti campioni quanti ne hanno loro. Dovessimo vincere sarebbe un successo di squadra, non certo del singolo. Credo comunque che con le milanesi che si sono rinforzate, quest’anno sarà un campionato più avvincente“.

Le sconfitte contro le piccole, ma anche contro le grandi come il Real Madrid, serviranno a questo Napoli per volare ancora più in alto: “Quest’anno, dovessimo incontrare nuovamente il Real Madrid, andrà sicuramente in maniera diversa anche perché abbiamo maggiore esperienza. Quindi se dovessimo confermarci sui livelli dello scorso anno, io sono sicuro che sia in Italia che in Europa daremo tanto tanto fastidio“.

CONDIVIDI