Home Prima Pagina Sampdoria, alla scoperta di Dawid Kownacki

Sampdoria, alla scoperta di Dawid Kownacki

Caratteristiche Kownacki
Dawid Kownacki (fonte foto: Zimbio.com)

Caratteristiche Kownacki – L’attaccante arriva a Genova con un pesante fardello: in patria lo hanno inquadrato come nuovo Lewandowski. Seguirà le orme dell’attaccante del Bayern?

Dawid Kownacki è ufficialmente un giocatore della Sampdoria. Nome sconosciuto in Italia, ma conosciutissimo in Polonia dove ha bruciato le tappe nel Lech Poznan. L’attaccante, infatti, ha esordito tra le fila della compagine polacca il 6 dicembre 2013 nella vittoria per 2-0 contro il Wisła Kraków a soli 16 anni. Da quel momento in poi il ragazzo entra in pianta stabile nella Prima squadra, senza lasciarla più.

Profilo giovane, dunque, considerati i suoi 20 anni, ma già con tanta esperienza alle spalle. Con il Lech, infatti, disputa quattro campionati divenendo presto un giocatore chiave e laureandosi anche Campione di Polonia nel 2015, trofeo a cui aggiunge anche una Coppa nazionale nello stesso anno. Al percorso di crescita nel club si aggiunge quello svolto all’interno delle categorie giovanili della Polonia. Il classe ’95 non sfugge ai radar degli osservatori federali; attenzioni che gli spalancano le porte delle categoria giovanili, dove segue tutta la trafila fino ad arrivare alla Nazionale Under 21. Anche in questa realtà il giovane Kownacki riesce ad affermarsi diventando il pezzo da novanta del giocattolo polacco intravisto durante gli ultimi Europei Under 21.

185 centimetri di altezza, di piede destro e etichettato in patria come nuovo Lewandowski. Kownacki è un attaccante moderno, dotato di una buona velocità in progressione, capace di dialogare con i compagni: nelle sue corde ha anche l’assist; ma può anche contribuire nella fase di non possesso grazie alla sua generosità. Caratteristiche che se da un lato confermano il fatto che non si tratta di un centravanti vecchio stampo, dall’altra lo rendono meno prolifico sotto porta. Il suo bottino (94 presenze e 21 gol) ne è testimone. Quest’anno, però, ha messo a referto 9 reti in 27 presenze, registrando una crescita anche dal punto di vista realizzativo. Non male per un ragazzo di soli 20 anni.

In base al profilo fin qui tracciato, in patria non hanno dubbi: Kownacki ha tutte le carte in regola per seguire le orme dell’attaccante del Bayern Monaco. E’ un fardello che il giovane attaccante si porta sulle spalle fin da adolescente, senza però lasciarsi schiacciare: “A 16 anni mi chiamavano ‘il nuovo Lewandowski’, era dura da gestire, ma ho cambiato atteggiamento: sono cresciuto e ho imparato a ignorare quel che dice la gente. Ovviamente ho ancora grandi sogni”. Dopo Schick, dunque, la Sampdoria prova a vincere un’altra scommessa, quella di Kownacki.

CONDIVIDI