Home Serie A Inter Inter, Borja Valero si presenta: “Arrivo nel posto giusto”

Inter, Borja Valero si presenta: “Arrivo nel posto giusto”

Presentazione Borja Valero contro Fiorentina
www.twitter.com

Presentazione Borja Valero contro Fiorentina – Il centrocampista spagnolo ha spiegato i motivi che lo hanno spinto a lasciare Firenze: “Non mi sentivo compreso”

E’ il Borja Valero-day in casa Inter. Lo spagnolo spagnolo ha tenuto una conferenza stampa di presentazione dove ha parlato dell’ambiente, della società, degli obiettivi e di Luciano Spalletti; ma soprattutto ha spiegato il perché ha lasciato la Fiorentina per sposare la causa nerazzurra in modo così rocambolesco.

Il giocatore è arrivato a Milano dopo una trattativa convulsa con la viola, ma ormai i rapporti si erano deteriorati inesorabilmente: “Sono sincero quando dico che non sarei mai andato via da Firenze, ma con tutti quei problemi non era possibile continuare”; l’ex Villareal punta il dito soprattutto con una parte della società:Mi riferisco alla direzione sportiva: avevamo idee diverse, non mi consideravano più importante come avrei meritato ancora. Cosa succede a Firenze? Non saprei. Io posso parlare solo della mia situazione: la Fiorentina resta comunque la Fiorentina”.

Inevitabilmente la cessione cercata e trovata da Borja Valero si ripercuoterà anche sull’incondizionato amore che il tifo viola gli ha sempre confermato, anche se il calciatore spera che gli vengano riconosciuti gli anni di servizio a Firenze: “Spero mi accolgano nel migliore dei modi possibile. Ho dato tutto, ma rispetterò qualsiasi tipo di reazione. Avevo ancora due anni di contratto ma, come ho detto, non c’era più feeling tra il sottoscritto e la direzione sportiva“.

Adesso il futuro si chiama Inter: la società giusta al momento giusto: “Sono felicissimo di questa opportunità. Dopo i problemi con la Fiorentina arrivo nel posto giusto… L’Inter ha fatto il massimo per avermi, ora voglio ricambiare tutta questa fiducia”. E su Spalletti: “E’ un grande allenatore, molto forte. Io voglio essere importante sia dentro che fuori dal campo e cercherò di essere un esempio anche per i giovani”.

Nessuna indicazione circa il suo impiego tattico, ma solo duro lavoro: “Non saprei, vediamo. Deciderà il mister, io cercherò di dare il massimo”. Stessa cautela usa quando gli si chiede se l’Inter è pronta per lottare per la vittoria finale del campionato: “Vedremo… siamo solo all’inizio. Credo sia presto per parlare di titolo“.

CONDIVIDI