Home Prima Pagina Roma, Totti sarà dirigente: “Sono a disposizione di tutti ma senza un...

Roma, Totti sarà dirigente: “Sono a disposizione di tutti ma senza un ruolo definito”

Totti dirigente della Roma
(fonte foto: asroma.com)

Totti dirigente della Roma | A meno di due mesi dall’addio al calcio giocato l’ex numero 10 ha reso noto il suo futuro nella dirigenza giallorossa

Dopo l’addio al calcio dello scorso 28 maggio, quando tutto il popolo romanista lo salutava con le lacrime agli occhi dopo una vita interamente dedicata ai colori giallorossi, Francesco Totti ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di RomaTv in cui ha annunciato il suo futuro da dirigente della Roma.

E’ terminata la prima parte della mia carriera. Da questa stagione smetterò i panni del calciatore per iniziare la mia avventura da dirigente di questo club” ha dichiarato il simbolo della Roma dopo essersi soffermato per un’ultima volta sul suo addio al calcio giocato: “Avrei voluto che quella giornata non finisse mai; le emozioni che ho provato sono completamente indescrivibili. In più di 25 anni con questa maglia ho avuto soddisfazioni infinite ma ora è arrivato il tempo di misurarmi con un nuovo ruolo”.

Totti ha voluto chiarire il contributo che apporterà al club giallorosso: “Dovrò abituarmi al mio nuovo lavoro, che è cosa ben diversa da quello che facevo in campo. Il mio amore per la squadra mi spingerà ad impegnarmi al massimo per mettere a disposizione del club la grande esperienza che ho accumulato nella mia carriera. Sono certo di poter aiutare molto l’ambiente e la squadra e mi impegnerà al massimo per riportare risultati positivi“.

Il Pupone ha poi svelato il ruolo sui generis che andrà a ricoprire nella dirigenza di Pallotta: “Sceglierò il ruolo che più mi si addice in società. Ho impiegato molto tempo per riflettere, e con la stessa calma imparerò a conoscere gli aspetti dirigenziali in base ai quali saprò trovare il mio posto. Dichiaro la mia totale disponibilità: dal settore giovanile al Presidente io darò il mio contributo senza fretta e al momento opportuno, tra qualche mese come tra qualche anno, sceglierò il mio ruolo in questo club. Per il momento non voglio avere alcun ruolo definitovoglio essere un riferimento per la squadra con il rispetto e l’umiltà di chi inizia da capo una nuova carriera“.

L’ex capitano ha poi parlato del rapporto con Monchi e con il tecnico Di Francesco: “Ho parlato con tutti e le sensazioni che ho avuto sono state molto positive. Con Eusebio, anche per via del nostro passato in campo, ho uno splendido rapporto che coltivavo anche prima del suo arrivo sulla nostra panchina. Sono certo che sarà in grado, insieme al lavoro di tutti, di portare in alto la Roma”.

 

 

CONDIVIDI