Home Europa League Milan, Montella: “Bravi a soffrire, Donnarumma decisivo”

Milan, Montella: “Bravi a soffrire, Donnarumma decisivo”

Montella dopo Craiova-Milan
Montella (fonte foto: Facebook A.C. Milan)

Montella dopo Craiova-Milan non nasconde la soddisfazione per la vittoria in Romania e spiega: “Lavoriamo sul 4-3-3 con alcune varianti”

Al termine del match di Europa League contro il Craiova, Vincenzo Montella si è trattenuto ai microfoni di Sky Sport; queste le principali dichiarazioni rilasciate dal tecnico del Milan:

“Cosa mi aspettavo? Oggi non mi potevo aspettare di più, il Craiova è più avanti di noi ci ha messo in difficoltà con la rapidità dei suoi giocatori; siamo stati bravi a soffrire. Il risultato ci lascia tranquilli per il ritorno quando credo che saremo più pronti sul piano atletico.

I nuovi? Alcuni si stanno inserendo, siamo in costruzione e ci sarà tempo per farlo; il mio compito è portare avanti più giocatori possibili. Difesa a tre? Non lo so, ma Bonucci ha giocato sia a tre che a 4, con lui possiamo giocare in entrambi i modi. Oggi ci siamo messi apparentemente a tre per palleggiare meglio, cosa che ci è riuscita in parte ma senza il pallone si corre di più e la squadra non poteva reggere. Siamo stati un po’ scolastici, anche perché in avanti non avevamo giocatori per giostrare tra le linee; Niang e Borini hanno altre caratteristiche.

Modulo camaleontico? Sì, possiamo fare cose diverse dal punto di vista tattico anche se, siccome ci sono tanti nuovi, è difficile insegnare un solo modulo; magari i ragazzi mi sorprenderanno ma voglio sviluppare un modulo di riferimento con delle varianti; oggi stiamo portando avanti il 4-3-3 ma possiamo metterci anche a tre anche se diversi giocatori non si sono mai allenati, servirà tempo anche se noi non ne abbiamo molto.

Donnarumma? Ha fatto una parata importantissima (su Mitrita, ndr) in un momento decisivo della partita; è ripartito da dove lo abbiamo lasciato. Andre Silva? E’ un ’95, è arrivato da poco, diamogli tempo; si intravedono comunque spunti da campione”.

CONDIVIDI