Stop al campionato a causa del calcioscommesse: il precedente

Il campionato che si ferma a causa del calcioscommesse, è la notizia riportata questa mattina da uno dei principali quotidiani italiani.

Il calcio italiano finisce sottosopra, ancora una volta, e saranno mesi difficilissimi in un momento dove sportivamente parlando, l’Italia sperava di poter parlare solo della Nazionale di Luciano Spalletti e di quanto di buono ottenuto di recente con i piazzamenti europei delle italiane – tre finaliste nell’ultima Champions – e della bellezza del campionato stesso che ha visto tre squadre diverse vincere lo Scudetto negli ultimi tre campionati.

Stop al campionato dopo la vicenda calcioscommesse – Stopandgoal (La Presse)

Ma il precedente dice che per illeciti sportivi, il campionato si è fermato. Questa mattina, un quotidiano italiano, ha svelato quanto emerge in merito al calcioscommesse.

Stop del campionato, c’entra il calcioscommesse: indagine aperta

Fine del campionato, per portare avanti le indagini, fermando quanto sta venendo fuori con ripercussioni a livello mondiale.

L’analisi sul momento vissuto dal calcio italiano, fatta dal Corriere dello Sport che riporta le notizie che hanno fatto il giro del mondo, spiegando che non è solo l’Italia ad essere incappata in questa nuova ed ennesima pagina nera del calcio.

Tutto il mondo è paese, tant’è che anche in Inghilterra – e non è mica solo colpa di Zaniolo – si sono vissuti casi verosimili, oltre che in Bolivia, dove il campionato è stato anche interrotto a causa degli illeciti sportivi.

Calcioscommesse, il precedente in Bolivia: stop al campionato

Non si può escludere niente sulla vicenda calcioscommesse in Serie A, con al vaglio la possibilità di vedere tagliati fuori i diversi campioni del calcio italiano, a causa di quanto emerso. Da Fagioli, passando per Tonali e Zaniolo che giocano in Premier League, con altri giocatori nella lunga lista di Fabrizio Corona che può compromettere per sempre la carriera dei calciatori stessi. La lega, così come fatto in Bolivia, potrebbe fermare il campionato per procedere con le indagini, per poi ripartire. Niente può essere infatti escluso, come più volte ribadito, in questo momento di scossone che sta vivendo il calcio in Italia, dopo i fatti della passata stagione e dopo i fatti di Calciopoli nei primi anni del 2000.

Ultime sul calcioscommesse: rischio maxi-squalifica

C’è il rischio della maxi-squalifica per i diversi giocatori, con i club coinvolti che potrebbero però essere assolti, perché non a conoscenza delle scelte fatte dai calciatori in merito alle scommesse effettuate. Fagioli si sarebbe autodenunciato, andando dunque verso il patteggiamento. Toccherà ora capire verso quale senso procederanno gli organi competenti sulla squalifica che gli sarà indotta, non dimenticando che si rischia comunque la maxi-squalifica.

Calcioscommesse, patteggiamento e maxi-squalifica in Serie A – Stopandgoal (La Presse)
Impostazioni privacy