Home Champions League FINALMENTE PAZZINI: CALVARIO TERMINATO

FINALMENTE PAZZINI: CALVARIO TERMINATO

Attesa finita per i tifosi del Milan e Massimiliano Allegri: Giampaolo Pazzini, assente da metà maggio per l’operazione al ginocchio, torna finalmente a disposizione. Per lui prima convocazione stagionale per la sfida di Champions contro l’ Ajax. Una notizia certamente di grande rilevanza per l’ambiente rossonero, che da inizio della stagione non sembra ancora aver trovato il partner giusto per Mario Balotelli.

UN “PAZZO” IN PIU’ PER UN ATTACCO DELUDENTE – L’acquisto di Matri, pagato la bellezza di 12 milioni, è stato fortemente criticato dalla tifoseria, considerate le prestazioni abbastanza incolori dell’ex-Juve; un solo gol per lui (tra l’altro inutile nel 2-3 di Parma), tanta volontà e troppi errori sotto porta lo hanno spedito inesorabilmente in panchina, nonostante la stima dell’allenatore. Un pò meglio Robinho, che ha toccato l’apice nella buona prestazione casalinga di Champions contro il Barcellona, ma troppo discontinuo nel rendimento. Non valutabile El Shaarawy, anche lui appena tornato dallo stop che lo aveva tenuto lontano dai campi da Settembre. Ed ecco che in uno scenario simile, il ritorno di Pazzini può far molto comodo ad Allegri.

REPLICARE LA SCORSA ANNATA – Il bomber di Pescia aveva ottimamente figurato nella scorsa stagione, riuscendo a mettere a segno ben 15 reti, pur soffrendo l’antagonismo di Balotelli nel modulo a una punta utilizzato da Allegri nella passata stagione. L’attacco a due punte, con trequartista alle spalle, di quest’anno, e lo scarso rendimento dei partner d’attacco, potrebbe favorire la titolarità di Pazzini, accanto all’inamovibile SuperMario. Se ritrovare la condizione ottimale sarà comunque un’operazione che richiederà pazienza, visto il lungo stop, il popolo rossonero può dormire sonni tranquilli: l’istinto da killer è una dote che non si perde con i giorni, e siamo sicuri che il Pazzo ce la metterà tutta per tornare a segnare e far gioire i propri tifosi. Con un occhio al Mondiale…

CONDIVIDI