Home Serie A Inter Inter, il nuovo Tevez è tuo: Colidio è nerazzurro

Inter, il nuovo Tevez è tuo: Colidio è nerazzurro

Colidio all'Inter ufficiale
Colidio in allenamento (fonte foto: twitter/@Argentina)

Colidio all’Inter – L’attaccante ha firmato un contratto con la società nerazzurra: battuta la concorrenza della Juventus

Dopo Zaniolo e Odgaard l’Inter ha messo le mani su Facundo Colidio, 17enne attaccante del Boca Juniors. L’attaccante sta firmando in questo momento il suo primo contratto con la società nerazzurra dopo aver svolto le visite mediche la settimana scorsa. Il costo dell’operazione dovrebbe aggirarsi sui 6-7 milioni di euro, una cifra non indifferente per un ragazzo che non ha compiuto nemmeno la maggiore età. Ma Suning ha deciso di puntare sui giovani di belle speranze per muoversi anche in prospettiva e non solo guardando alle contingenze immediate.

Così sia dunque. E poi se in patria è considerato un crack, termine con il quale in Argentina si definiscono i potenziali campioni, qualcosa vorrà pur dire. Una considerazione, questa, che aveva spinto anche la Juventus a muoversi: i bianconeri ci aveva fatto un pensierino allacciando i contatti con il Boca, pronti ad intavolare una trattativa; ma l’Inter è arrivata prima battendo sul tempo i rivali. L’accordo, messo nero su bianco pochi istanti fa, prevede che Colidio si trasferisca in Italia solo dopo aver compiuto i 18 anni, cioè quando potrà liberamente giocare in Serie A. Il giocatore, dunque, sarà a disposizione di Luciano Spalletti da gennaio.

CARATTERISTICHE COLIDIO

Un metro e ottanta di altezza, il nove cucito sulle spalle e la solita garra argentina in mezzo al campo. Colidio è dipinto da tutti come un centravanti moderno, capace sia di destreggiarsi nelle vesti di prima punta, sia di allargarsi sulla fascia per ricevere il pallone e puntare poi l’area avversaria; non un nove di quelli ‘statici’ dunque, nemmeno quando agisce da prima punta, ma ‘mobile’, in grado di impensierire la retrogurdia avversaria con le sue accelerazioni o gli scatti improvvisi. Piede preferito: il destro, e un senso del gol che non gli manca di certo.

Le sue qualità sono venute fuori durante il Sudamericano Under 17 disputato a febbraio e marzo in Cile. Ed è alquanto paradossale visto e considerato che la selezione argentina non ha nemmeno superato il girone di qualificazione. Nell’oscurità generale, però, è emersa la stella di Colidio, che con la sua esplosività ha alimentato le speranze della Celeste. Per informazioni chiedere al Perù, che, nel giro di pochi minuti, è capitolato sotto i colpi dell’attaccante. Il 3-0 finale è soprattutto farina del suo sacco visto l’uno-due micidiale che ha chiuso i giochi.

Difetti? Il colpo di testa e il raggio d’azione troppo ampio. Per migliorare l’arma del colpo di testa, per stessa ammissione del giocatore, bisognerà ripassare i fondamentali alla Pinetina; il secondo, invece, è la naturale conseguenza delle sue qualità: Colidio tende a tornare spesso a metà campo per procacciarsi palloni giocabili e chiaramente risente della lontananza dalla porta a cui spesso lo conduce questo atteggiamento tattico. Virtù e difetti di un diciassettenne che sogna di giocare affianco ad Icardi: l’avventura in nerazzurro di Colidio è pronta a decollare.

 

 

CONDIVIDI